coda di cavallo coda di cavallo

Coda di cavallo: 3 segreti per farla sembrare più corposa - Garnier

La coda di cavallo è la pettinatura più veloce e pratica, ma basta poco per renderla particolare. Ti sveliamo 3 segreti per farla sembrare più corposa.

Coda di cavallo: 3 segreti per farla sembrare più corposa

Simbolo di femminilità e sensualità, i capelli lunghi sono un mezzo  semplice ma efficace con il quale accentuare la propria naturale bellezza. Sfruttando la possibilità di acconciarli come meglio si crede, si possono ottenere pettinature accurate e continuamente diverse, che regalano affascinanti varianti da sfoggiare tutti i giorni.

Grazie alla loro estrema duttilità, i capelli lunghi diventano di facile manipolazione tanto per le acconciature più elaborate quanto per quelle più semplici ed intramontabili da portare quotidianamente ed in qualsiasi situazione, come la classica e sempre di moda coda di cavallo.

La coda di cavallo è una delle pettinature più veloci e più facili di cui una donna può servirsi in svariate occasioni, poiché essa si predispone all’eleganza di serate particolari, così come alla praticità di qualsiasi altro momento della giornata. Che sia per mancanza di tempo o per scelta stilistica, la coda di cavallo regala ai capelli un aspetto ordinato, in una semplicità tale che chiunque può farla in pochissimi minuti.

Laterale per chi ha il viso ovale, bassa per chi ce l’ha lungo, meglio alta per chi ha un ovale tondo e paffuto, essa non delude mai e diventa l’escamotage perfetto quando manca il tempo per dare una perfetta piega ai capelli.

Coda di cavallo per tutti i gusti
La coda di cavallo rimane eterna ed intramontabile, ma la differenza del suo aspetto dipende dalla foltezza dei capelli che le regala un’immagine sana e corposa, per cui chi ha capelli molto sottili può sperimentare tre semplici trucchi per esaltare la propria coda e farla sembrare molto più piena e folta.

Tecnica n.1

Una delle bellezze della coda di cavallo, è quel tipico effetto “pony droopy“, ovvero quel rigonfiamento che sporge subito dopo l’elastico e che conferisce ai capelli un aspetto così corposo, tanto da esplodere in una massa che si gonfia e si riempie con un andamento verso l’alto.

Infatti, il peggior difetto di chi possiede capelli fini e lisci, è quello di formare una coda dall’aspetto piatto e schiacciato, che dà l’idea di essere vuota e fatta con una chioma povera. Per ovviare a questo antiestetico inconveniente, si può creare quel famoso effetto “pony droopy” con degli specifici accessori per capelli.

Prima di tutto si possono utilizzare due elastici per capelli, dividendo l’intera chioma in due grandi ciocche legate molto vicine tra loro e poi unite in una unica, oppure si può ottenere lo stesso effetto utilizzando due ferretti per capelli posizionati ad “X” proprio alla radice della coda di cavallo, di modo da creare quella maggiore spinta verso l’alto; infine, si può utilizzare un apposito accessorio in silicone, posizionandolo alla base della coda, coperto dai capelli stessi e dagli elastici utilizzati.

Tecnica n.2

Se invece ciò che volete ottenere non è quell’effetto di spinta verso l’alto in corrispondenza dell’uscita dell’elastico, ma un effetto folto e corposo lungo tutta la lunghezza del capello, allora la tecnica che vi si addice di più è la seguente: sezionando l’intera capigliatura in due gruppi, si creeranno due code, una poco sopra la metà della testa ed una poco sotto, facendo in modo che la distanza tra le due ciocche sia tale da portare quella più alta a cadere e coprire quella sottostante, mescolandosi naturalmente ad essa e dando l’illusione ottica di un’unica folta coda.

Con questo metodo, però, bisogna far attenzione a saper mimetizzare bene la coda sottostante con quella superiore, per evitare che lateralmente possa vedersi il profilo delle due sezioni di capelli, legati in punti differenti della testa.

Per evitare questo inconveniente, si possono fermare i capelli della coda superiore su quella sottostante con dei ferretti così piccoli da essere impercettibili, oppure aprire la capigliatura per unire meglio entrambe le code, facendo attenzione ad allargare soprattutto quella più alta, di modo da coprire interamente la ciocca inferiore.

Tecnica n.3

Quando il tempo per acconciare una coda di cavallo e renderla piena e corposa è davvero poco, esiste un metodo infallibile che dona pienezza ai capelli senza spendere troppo tempo in architetture che ingannino l’occhio.

Una volta legati i capelli a coda di cavallo, essi vanno sezionati con un pettine a denti non troppo larghi e, partendo dalla ciocca inferiore, si esegue per ognuna una cotonatura leggera solo in corrispondenza della fuga dei capelli dall’elastico. La cotonatura è una metodica che va fatta sapientemente per non rischiare di spezzare i capelli o rovinarli, ma che ci certo, una volta presa la manualità, risulta molto semplice e di sicura riuscita visiva.

Per cotonare le singole ciocche della coda di cavallo, esse vanno pettinate nel verso contrario, utilizzando un pettine a denti più o meno stretti e facendo in modo che con questo movimento i singoli capelli si aggroviglino leggermente su quelli sottostanti, sollevandosi e dando volume.La procedura di cotonatura va eseguita per ogni ciocca sezionata, finendo per avere un effetto visivo di vaporosità notevole, con una coda di cavallo apparentemente piena e dal tipico effetto “pony droopy”.

Qualsiasi sia la tecnica scelta per ottenere un effetto pieno della vostra coda di cavallo, è consigliabile utilizzare prodotti volumizzanti per aiutare il capello a trovare consistenza e volume sin dal momento in cui si va a lavare il capello. La Fibra-CylaneTM , per esempio, è una molecola innovativa che inietta nuova materia nella fibra capillare e rende i tuoi capelli più pieni, essa si può trovare all’interno di shampoo, balsamo e maschere e rende il capello morbido e fluido oltre il volume ricercato.