Punti Neri

I punti neri sono imperfezioni che creano disagio e imbarazzo e possono formarsi sul naso, sul mento e sulla fronte, così come in altre parti del corpo. Non sono una prerogativa adolescenziale, perché possono presentarsi a qualsiasi età, così come non sono una caratteristica esclusiva delle pelli grasse perché i punti neri possono formarsi su tutti i tipi di pelli, comprese quelle secche e irritate. Eliminare questo inestetismo per molti è un’esigenza, ma quali i migliori rimedi per i punti neri? Scopri grazie all’aiuto di Garnier come trattarli e come evitare la loro ricomparsa.

 

Che cosa sono i punti neri

Punti neri

I punti neri sono formazioni dovute all’accumulo di sebo e altri depositi che si accumulano all’interno dei follicoli piliferi. Ma cosa sono di preciso? Sono imperfezioni dovute all’apertura dei comedoni, piccole sacche all’interno della pelle formate da grasso, cellule morte, residui di make-up e altra sporcizia sedimenta. Quando la quantità di materiale accumulato diventa eccessiva, questa esercita una pressione che causa l’apertura dei comedoni, i quali, entrati a contatto con l’aria, si ossidano e diventano scuri. In caso di proliferazione batterica i punti neri possono sfociare in brufoli e aggravare la situazione della pelle. Per approfondire l’argomento leggi l’articolo dedicato a: punti neri che cosa sono.

 

Quali le principali cause della formazione di punti neri

Punti neri

I punti neri possono formarsi a causa di uno scompenso ormonale, oppure per un eccesso di sebo; in altri casi per una skincare errata o poco accurata. Anche l’utilizzo di cosmetici inadatti può favorire la loro formazione. Sono dovuti a iperattività delle ghiandole sebacee; ma esattamente, perché si formano i punti neri?

Le cause scatenanti dei punti neri possono variare a seconda di fattori esterni ed interni. Tra gli interni possono esserci predisposizione e squilibrio ormonale, tra gli esterni invece una skincare inadeguata o scorretta.

Tra le cause interne ci sono:
- squilibrio ormonale - ormoni come il testosterone sono responsabili dell’iperattività delle ghiandole sebacee, ed è per questo che i punti neri compaiono soprattutto in età adolescenziale, quando cioè l’organismo si trova di fronte a cambiamenti importanti e a variazioni ormonali significative. Ma, come detto, la comparsa dei punti neri non è una prerogativa dell’età adolescenziale, perché squilibri ormonali si verificano anche in gravidanza e in menopausa.
- Informazione genetica - chi ha una pelle grassa ha una maggiore possibilità di sviluppare punti neri. Questo non significa che la pelle normale o secca non possa mostrare questo tipo di inestetismo. I punti neri infatti si presentano anche a causa di una particolare predisposizione genetica e, soprattutto in questi casi, la pelle ha bisogno di cosmetici adeguati.

Tra le cause esterne ci sono:
- skincare non adatta o sbagliata - non seguire tutti gli step di una corretta skincare quotidiana come non struccare bene il viso tutte le sere, oppure non eseguire periodicamente uno scrub, crea un accumulo di sporcizia sulla pelle che impedisce ai pori di respirare. L’insieme di queste impurità scatena la formazione di punti neri e brufoli.
- utilizzare prodotti sbagliati - quando si utilizzano prodotti non adatti al proprio tipo di pelle, questa reagisce in diversi modi. Se si applicano cosmetici troppo aggressivi, la pelle inizia a produrre sebo in eccesso; se si utilizzano prodotti oleosi, si facilita l’accumulo di impurità e sporcizia. In entrambi i casi si facilita la formazione di punti neri. Ecco perché esperti e dermatologi ripetono spesso di fare un test della pelle e di utilizzare solo prodotti ad hoc. Anche la scarsa qualità dei cosmetici gioca un ruolo fondamentale: fondotinta e correttori non comedogeni occludono i pori e impediscono alla pelle di respirare. Che reagisce con la formazione di punti neri e brufoli.

Scoperte le principali cause scatenanti dei punti neri, come fare per eliminarli?

 

Come eliminare i punti neri

Viste le principali cause dei punti neri, occorre adesso analizzare le strategie migliori per trattarli e impedire la loro formazione. Sicuramente si può dire addio ai punti neri grazie all’aiuto di ingredienti come il carbone vegetale, l’argilla e l’acido salicilico. Il modo migliore per trattare questo tipo di imperfezioni, infatti, è organizzare una skincare routine quotidiana rigorosa e ben organizzata, fatta di prodotti specifici per la detersione e l’idratazione della pelle.

I laboratori Garnier hanno studiato una gamma specifica in grado di trattare e prevenire la formazione dei punti neri con prodotti a base di:
- carbone vegetale - attivo ultra-assorbente di origine naturale che, grazie alla sua eccezionale proprietà assorbente, svolge un’azione sebo regolatrice e contrasta l’effetto lucido della pelle;
- acido salicilico - attivo dalle proprietà purificanti e antibatteriche;
- estratto di mirtillo - ricco di vitamina E e antiossidanti, riduce il sebo in eccesso e svolge un’azione lenitiva.

Questi gli step principali per una corretta skincare quotidiana per trattare i punti neri e per limitare la loro ricomparsa. Dalla detersione allo scrub ecco le fasi più importanti e i prodotti giusti.
1. Detergere: un’accurata detersione quotidiana, profonda ma non troppo aggressiva, può normalizzare la produzione di sebo. Utilizzare detergenti specifici come per esempio il gel detergente 3 in 1 Pure Active di Garnier, capace di trattare la pelle con imperfezioni e punti neri grazie a ingredienti come il carbone vegetale, l’acido salicilico e l’estratto di mirtillo, lasciando la pelle pulita e libera da impurità, con punti neri visibilmente ridotti.
2. Rimuovere il make-up: è importantissimo ricordarsi di rimuovere accuratamente il make-up ogni sera prima di andare a dormire. L’acqua micellare Pure Active strucca e purifica senza aggredire la pelle e senza bisogno di risciacquare. Grazie alla sua formula dalla tollerabilità ottimale, deterge viso, occhi e labbra e garantisce un risultato perfetto in un solo gesto.
3. Esfoliare: 1-2 volte a settimana utilizzare uno scrub per esfoliare la pelle e liberarla da tutte le impurità e le cellule morte accumulate. Il gel detergente esfoliante anti-punti neri Pure Active di Garnier purifica i pori in profondità, contribuendo a prevenirne la ricomparsa.
4. Purificare e idratare: 1-2 volte a settimana utilizzare una maschera che possa purificare la pelle in profondità ma anche restituirle quelle sostanze nutritive perse con il tempo. Un prodotto innovativo per idratare e purificare allo stesso tempo è la maschera nera Skin Active di Garnier. Grazie al tessuto a base di carbone vegetale, arricchito con tè nero e acido ialuronico, questa maschera purifica, opacizza e riequilibra la pelle, lasciandola idratata.
5. Per un’azione immediata, vanno provati i cerotti al carbone della linea Pure Active. Strips che assicurano un risultato immediato sulla pelle in soli 15 minuti, che svolgono un’azione ultra-assorbente e rimuovono i punti neri della zona T e contrastano la pelle lucida, lasciando il viso subito più liscio e senza imperfezioni. Il prodotto ideale per chi vuole trattare la pelle impura e i punti neri in poco tempo.

 

Per Punti neri ostinati

Punti neri

Schiacciare i punti neri è sempre sconsigliato, perché si finisce per peggiorare la situazione scatenando infiammazioni e infezioni.

In caso di pelli grasse e punti neri ostinati, uno dei cosmetici più all’avanguardia è il Pure Active 3 in 1 Carbone che deterge, esfolia e purifica. In un unico prodotto si trova tutto ciò che serve per eliminare le impurità e prevenire la comparsa dei punti neri:
- gel detergente contro le impurità;
- scrub per ridurre i punti neri
- maschera per regolarizzare l’eccesso di sebo.

La migliore strategia per trattare pelle grassa e punti neri ostinati quindi, si basa essenzialmente su prodotti specifici a base di ingredienti ricercati che assicurino detersione e idratazione quotidiane e un’azione di pulizia più profonda una o due volte a settimana.

Mai dimenticare, per esempio, di applicare regolarmente sul viso una maschera purificante, come la maschera al carbone Peel-Off, arricchita con carbone vegetale e acido salicilico che regolarizza la produzione di sebo e la lucidità della pelle. Questa maschera purifica a fondo la pelle e rimuovere le impurità che ostruiscono i pori dando origine a queste imperfezioni. Da provare anche la black mask, la maschera nera al carbone che elimina i punti neri alla radice lasciando la pelle luminosa, idratata e liscia.

 

Punti neri ed errori da evitare

Punti neri

Come già affermato, l’errore principale da non commettere è quello di schiacciare i punti neri manualmente.

Il secondo è quello di coprire i punti neri con un make-up pesante che spesso impedisce alla pelle la naturale traspirazione peggiorando la situazione. Meglio assicurarsi che i prodotti di make-up non siano comedogeni e soprattutto meglio sceglierli in base al proprio tipo di pelle.

Come per esempio la BB Cream per pelli miste o grasse, con perlite ultra assorbente, estratto di pompelmo e pigmenti minerali. Grazie alla sua formula, la BB Cream pelli miste o grasse dona una pelle perfetta anche per 12 ore, minimizzando rossori e imperfezioni e lasciando la pelle opacizzata, idratata e con un colorito uniforme.

Infine, non confondere brufoli e punti neri: a volte si tende erroneamente a utilizzare gli stessi prodotti, mentre si tratta di due problematiche diverse e come tali vanno trattate. Cerca sempre prodotti specifici per punti neri.

Ora che hai tutte le informazioni a disposizione su cosa sono, perché si formano e soprattutto come trattarli, scegli i prodotti da utilizzare e organizza la tua skincare routine anti-punti neri per avere sempre una pelle perfetta e luminosa.

I MIGLIORI INGREDIENTI PER LA CURA DEI PUNTI NERI

I PRODOTTI CONSIGLIATI PER TE

Scopri di più con Garnier Magazine