ragazza con capelli grigi ragazza con capelli grigi

EcoCert: tutto sulla certificazione biologica dei prodotti

Che cosa si intende con l’acronimo EcoCert? Tutto sulla certificazione biologica dei prodotti, come riconoscere quelli derivanti da agricoltura biologica.

Non è facile orientarsi tra le informazioni riportate sulle confezioni, questo perché anche l’INCI, la nomenclatura utilizzata a livello internazionale per individuare gli ingredienti dei cosmetici, non sempre è facile da leggere e soprattutto non esiste uno standard di certificazione a livello UE che aiuti a capire quale prodotto è realmente proveniente da agricoltura biologica 100%. L’unico modo è quello di affidarsi alle certificazioni di enti privati che definiscono chiari e determinati requisiti di sostenibilità. Per i consumatori più attenti, ecco allora una guida pratica alle certificazioni BIO dei prodotti di cosmesi.

EcoCert: che cos’è

EcoCert è un ente privato di certificazione e controllo, nato in Francia nel 1991 e che oggi ha sede in 24 nazioni e che effettua controlli e ispezioni in oltre 80 paesi in tutto il mondo. L’organismo non fa capo a nessun gruppo commerciale o sindacale e il suo compito è quello di vigilare che le norme in materia di produzione biologica siano rispettate.
L’attività di certificazione EcoCert in Italia è partita nel 2003 quando è stata riconosciuta dai Ministeri dell’Agricoltura e delle Finanze. Grazie alla certificazione EcoCert, la filiera produttiva del prodotto viene completamente tracciata e gli ingredienti biologici vengono separati da quelli non biologici.

Come funziona la certificazione EcoCert

Nel processo di certificazione e di tracciamento del prodotto, gli ingredienti dei cosmetici vengono classificati a seconda della loro provenienza e possono essere:
  • Naturali quando derivano da vegetali, animali e minerali
  • Chimici quando provengono da un processo fisico o chimico (che può essere consentito in agricoltura biologica)
  • Di sintesi
Nella certificazione biologica, gli ingredienti naturali sono sempre ammessi a patto che non danneggino l’ecosistema; gli ingredienti naturali provenienti da processi chimici e fisici sono ammessi purché gli stessi siano riconosciuti da EcoCert.
Completamente vietati invece tutti quegli ingredienti che arrivano da componenti petrolchimiche.
Per ottenere la certificazione dell’organismo di controllo, che appunto in Italia è inquadrato dalle autorità pubbliche e dalla legislazione statale, vengono eseguiti controlli e ispezioni rigidi e occorre rispettare questi requisiti:
  • Le materie prime non devono essere estratte da animali vivi o anche morti
  • Non deve essere svolta attività di sperimentazione sugli animali.


Cosa garantisce la certificazione EcoCert

La certificazione EcoCert è garanzia innanzitutto di tracciabilità e trasparenza dei prodotti finiti, di rispetto per l’ambiente e per l’uomo e di conseguenza di un processo produttivo pulito e naturale che evita qualsiasi forma di inquinamento. Gli ingredienti devono derivare da una lavorazione basata su risorse rinnovabili e con processi rispettosi dell’ambiente, mentre gli imballaggi devono essere completamente riciclabili e biodegradabili.
I cosmetici certificati EcoCert non contengono quindi OGM, coloranti, derivanti dal petrolio e fragranze di sintesi.

Le due etichette EcoCert

Per ottenere entrambe le etichette EcoCert, ossia quella cosmetica ecologica e biologica occorre che almeno il 95% degli ingredienti sia di origine vegetale e naturale proveniente da agricoltura biologica, mentre il restante 5% viene controllato scrupolosamente affinché siano le materie prime siano innocue.
Per ricevere l’etichetta cosmetica biologica invece, occorre che almeno il 50% di tutti gli ingredienti sia di origine vegetale e proveniente da agricoltura biologica.

I prodotti Garnier Bio

Tutti i prodotti della linea Garnier Bio vantano una certificazione biologica EcoCert, i loro ingredienti provengono da fonti rinnovabili, cruelty free e commercializzati nel rispetto della biodiversità rispondendo alle regole del commercio equosolidale. Tutti gli imballaggi infine sono formati da materiale riciclato e riciclabile e carta e cartone sono certificati per una gestione forestale rispettosa della natura.