ragazza con capelli grigi ragazza con capelli grigi

Cure e rimedi per la pelle sensibile

Scopri come proteggere la pelle sensibile da tutti quei fattori che potrebbero indebolirla; le cure e i rimedi naturali per renderla più resistente.

La pelle sensibile ha bisogno di cure particolari: agenti esterni, allergie o intolleranze possono aggredirla e irritarla in qualsiasi momento. Rossore, gonfiore e desquamazione sono i sintomi che dovrebbero accendere un campanello di allarme: occorre capire subito quali sono i fattori che la indeboliscono e intervenire con i rimedi giusti. Ma la sensibilità cutanea può essere sviluppata in qualsiasi momento e a qualsiasi età; ecco allora come riconoscere i primi sintomi e quali i prodotti da utilizzare per la cura della pelle sensibile.


Perché la pelle diventa sensibile

Molto spesso si tende a confondere la pelle secca con la pelle sensibile. Pur essendo collegata alla prima per alcune caratteristiche in comune, la pelle sensibile ha reazioni più importanti. La barriera protettiva aiuta a tenere lontani batteri e agenti esterni dannosi della pelle e trattiene le molecole d’acqua per evitare la disidratazione: una pelle sensibile perde in parte queste funzioni fondamentali. Le cause sono riconducibili sia a fattori esterni come il clima, che interni come lo stress.
Se gli agenti esterni attaccano il film idrolipidico superficiale arrivando fino allo strato cutaneo più profondo, possono causare una perdita delle molecole d’acqua e una conseguente disidratazione della barriera cutanea. La pelle a questo punto risulta sempre più debole e vulnerabile, manifestando desquamazione e irritazione. Tra gli agenti esterni più comuni si possono citare l’inquinamento, il freddo o il caldo eccessivo, prodotti di cosmesi troppo aggressivi o non adatti, e trattamenti farmacologici.
Per quanto riguarda gli agenti interni, l’età è sicuramente la principalmente responsabile dell’ipersensibilità: la pelle del neonato ad esempio, è più sottile e quindi più vulnerabile agli attacchi di fattori esterni. Allo stesso modo, anche quando la pelle invecchia, perde le sostanze fondamentali che assicurano il funzionamento del film idrolipidico superficiale. Anche gli squilibri ormonali, causati da stress o da periodi particolari della vita di una donna come la gravidanza e la menopausa, possono limitare la funzione di barriera della pelle. Per questi motivi, anche una pelle matura può diventare secca e sensibile.


Come riconoscere la pelle sensibile

Per trattare nel modo giusto la pelle sensibile è importante individuare i primi sintomi che sono:

  • Rossore
  • Irritazione
  • Desquamazione
  • Gonfiore
  • Ruvidezza.
In più possono comparire prurito, pizzicore e bruciore. Una pelle sensibile non adeguatamente trattata può arrivare a sviluppare anche eritemi.


Cura della pelle sensibile

Oltre ovviamente a rimuovere il fattore scatenante, la cura per la pelle sensibile si basa innanzitutto sull’utilizzo di prodotti specifici a base di ingredienti naturali. Uno dei più utilizzati, ad esempio, è l’olio di Argan, conosciuto come l’oro del deserto proprio per le sue qualità profondamente nutrienti, lenitive e idratanti.
La crema idratante riparatrice viso e corpo della linea Garnier Bio, ad esempio, sfrutta le proprietà benefiche dell’olio biologico di Argan, unite a quelle del burro di karité e della vitamina E antiossidante per lenire e ammorbidire anche le pelli più sensibili. Un vero e proprio pronto soccorso per la pelle arrossata e irritata dagli agenti esterni, che già dopo le prime applicazioni dona morbidezza e idratazione.


Pelle sensibile, rimedi ed errori da evitare

Alla comparsa dei primi sintomi come rossore e irritazione, i rimedi da mettere in atto per trattare una pelle sensibile sono l’idratazione e la protezione, evitando al contempo alcune cattive abitudini.

  • Bagni e docce frequenti e prolungati che possono indebolire la pelle
  • Utilizzo di acqua troppo calda che rischia di danneggiare la barriera protettiva
  • Bere poco, soprattutto d’inverno che contribuisce alla disidratazione
  • Fare una vita troppo sedentaria
  • Seguire un’alimentazione ricca di grassi e povera di vitamine.
Un’ultima cattiva abitudine da evitare, infine, è quella di non proteggere la pelle sensibile dai raggi solari: il consiglio allora è di utilizzare sempre, anche d’inverno, una crema con un minimo di fattore di protezione.